Museo civico "Ala Ponzone"
PINACOTECA

Indirizzo

via Ugolani Dati, 4, 26100 Cremona

Orari

ORARIO

martedì - domenica 10.00 - 17.00


In occasione di Art Week, dal 18 al 26 maggio aperto dalle 10.00 alle 19.00



Biglietti

Intero: 10,00 €
Ridotto: 8,00 €


L'ingresso a museo è gratuito la prima domenica di ogni mese


Cumulativo (Museo del Violino + Museo Civico + Museo Archeologico)

ridotto (solo scuole): 10,00€

intero: 14,00 €


Cumulativo (Museo Civico + Museo Archeologico) intero: 12,00 €

ridotto (solo scuole): € 5,00 €, soci di Gite in Lombardia: 6,00 € .

I biglietti on line sono in vendita su vivaticket

Opere attualmente in prestito:
- BERNARDINO CAMPI - Ritratto di gentiluomo (Catellano Cotta)
- BERNARDINO CAMPI - Madonna in trono col Bambino e i santi Benedetto, Francesco e Giuseppe
Le opere sono momentaneamente esposte alla mostra: Donne di genio. Le donne artiste e i loro compagni di viaggio, a Basilea (CH), presso il Kunstmuseum Basel, dal 2 marzo al 30 giugno 2024.

La prima sezione è dedicata al Medio Evo e al Quattrocento, con sculture, affreschi strappati, tavolette da soffitto e una ampia selezione della produzione legata alle opere dei Bembo.

Segue la pittura cremonese del Cinquecento offre una completa antologia dei pittori che documentano il passaggio dalla tradizione quattrocentesca alla maniera moderna e l'affermazione della nuova sensibilità rinascimentale attraverso le opere di Camillo Boccaccino, di Gian Francesco Bembo e dei Campi, anticipatori della sensibilità naturalistica che approderà a Caravaggio, qui illustrato dal celebre San Francesco in meditazione.

La Sala di San Domenico ospita una serie di opere provenienti dalla demolita chiesa dei frati predicatori e mostra gli apporti milanesi nella cultura locale del Seicento (Cerano, Nuvolone, Procaccini).

Le sale successive sono dedicate alla natura morta cremonese, ai ritratti di casa Ponzone e alle testimonianze della pittura dei secoli XVII (Genovesino), XVIII e XIX con l'affermazione del Neoclassicismo (Diotti) e del Romanticismo (Piccio).

Le ultime sale accolgono una selezione di arti applicate (porcellane orientali, ceramiche e maioliche lombarde ed europee, avori, smalti); la sezione dedicata all'iconografia di Cremona, con opere legate alla storia della città e alla sua rappresentazione pittorica; una panoramica della pittura lombarda e cremonese del secondo Ottocento e del Novecento.

Il Museo Civico ha una sezione dedicata alle stampe e ai disegni. Questa parte di museo non è aperta al pubblico ma è consultabile solo su appuntamento.
Per prenotare una visita consulta la scheda dedicata: archivi museali

STORIA DELLA COLLEZIONE

Il Museo trae origini dalle raccolte del Marchese Giuseppe Sigismondo Ala Ponzone.
La collezione (dipinti, stampe, disegni, smalti, avori, sculture, raccolte di numismatica, libri, materiale ornitologico e di scienze naturali in generale) rifletteva, da un lato, l’orientamento ad un collezionismo globale che, per la tendenza all’accumulazione di materiali eterogenei, si accostava all’antico spirito della “Wunderkammer”, dall’altro, per i criteri seguiti nelle scelte artistiche, l’aspirazione ad un disegno storiografico.

Con la disposizione del donatore che metà delle rendite del patrimonio immobiliare da lui costituito fossero utilizzate per creare e far vivere la “Scuola di Scultura Ala Ponzone”, il marchese assegnava all’istituto da lui desiderato una marcata finalità didattica, intendendo il Museo come luogo per la formazione di artisti.

Il Museo Civico Ala Ponzone, venne aperto al pubblico nel 1888 in Palazzo Ala Ponzone ma solo nel 1928 si ebbe il trasferimento nella sede attuale di Palazzo Affaitati.



Contatti

via Ugolani Dati, 4 - 26100 Cremona (Italia)

Tel. 0372 407770
0039 333 334 1310
museoalaponzone.biglietteria@comune.cremona.it